Altre possibilità

RICCIO EUROPEO OCCIDENTALE

La specie è ubiquitaria, diffusa dalla pianura alle Alpi. Possiede una dieta onnivora, con prevalenza di insetti . E' di fondamentale importanza per la sopravvivenza della specie la coltivazione delle siepi interpoderali e nelle zone ad agricoltura intensiva la vegetazione delle rive dei fossi e dei canali.

TALPA EUROPEA

E' una specie diffusa su quasi tutto il territorio regionale. Nelle zone agricole spesso può arrecare danni alle coltivazioni , soprattutto agli ortaggi. Non è una specie tutelata dalla Legge 157/92.

MUSTIOLO

E' un mammifero che frequenta preferenzialmente gli incolti, i boschi ma anche orti e Giardini. E' una specie che può risultare particolarmente utile  per ridurre l'impiego di insetticidi ed antiparassitari mantenendo e conservando siepi ed altri elementi ecotonali.

CONIGLIO SELVATICO

Il coniglio selvatico è stato immesso nel passato in diverse riserve di caccia, provocando una espansione nei territori limitrofi.

Attivo tutto l'anno, il coniglio selvatico è una specie gregaria, vive in gruppi familiari comprendenti fino a 25-30 individui. L'attività è crepuscolare e notturna, solo parzialmente diurna. Predilige le zone di confine dei boschi e delle macchie scavando lunghe e intricate gallerie nel sottosuolo. Nella stessa tana, munita di diverse entrate/uscite, abitano 10-15 conigli (ma non raramente il loro numero può raggiungere e superare il centinaio). Rimane quasi sempre in prossimità della tana . In caso di pericolo, fugge a piccoli balzi guizzano e zig-zagando molto velocemente (fino a 38 km/h), fino a raggiungere la tana sotterranea.

LEPRE COMUNE

Animale solitario, è diffuso nei terreni scoperti più meno coltivati (prati, pascoli, erbai, vigne, campi a cereali ecc.) intercalati con siepi o boschetti; è attivo al crepuscolo e durante la notte. Le popolazioni italiane di lepri, un tempo differenziate, sono ormai geneticamente inquinate per l'introduzione, attraverso i ripopolamenti venatori, di coppie importate dall'Europa centro-orientale e persino dall'Argentina.

La specie non presenta particolari problemi di conservazione anche se l'assenza di programmazione della attività venatoria ha portato ad un forte depauperamento delle popolazioni.

 

 

 

 

Parco Locale di Interesse Sovracomunale Brembiolo